venerdì 19 giugno 2015

Pane con farina integrale.... e un'assenza forzata che porta grandi novità!

E dopo mesi di forzata inattività, eccomi di nuovo!!!! 
Alle prese con una valanga di novità che sembrano moltiplicarsi ogni giorno, ma diciamo che ora posso provare a rimettere mano al mio piccolo e trascurato blog, del quale, mio malgrado, proprio non ho potuto occuparmi.

Gli ultimi mesi sono stai un uragano di avvenimenti ed è difficile anche solo raccogliere le idee. Un trasloco, che ci ha finalmente portati nella casetta nuova, ma che ha comportato un lavoro forsennato per diverse settimane.... un nuovo pelosetto, un adorabile trovatello con tanta voglia di una casa e di coccole... un lavoro che reclamava la sua smodata quantità di tempo ed attenzione senza se e senza ma.... e dopo una decina di giorni che ci eravamo trasferiti, ancora tra scatoloni, armadi da montare e lampadari da attaccare.... abbiamo scoperto che la famiglia si sarebbe allargata ulteriormente!! E no, non abbiamo adottato un terzo micio :DDD
Notizia delle notizie: sono incinta!!! Ammetto che mi fa ancora un pò effetto scriverlo :)

Oltre alla carenza patologica di tempo che tutte queste novità hanno portato, l'ostacolo più grande alla cura del blog che tanto amo, è stato proprio il primo periodo della gravidanza... non ho avuto nausee violente o problematiche, ma piuttosto un disgusto totale per quasi ogni forma di cibo. Mangiare era davvero un problema e il mettersi davanti ai fornelli a cucinare assolutamente impossibile, con somma tristezza del povero Presidente... che da tesoro di uomo qual è, non ha mai fatto una piega e ha fatto la cura di uova e pomodori, a scapito della sua tanto amata carne della quale io non potevo neanche sentire l'odore!
Praticamente fino alla fine dei fatidici 3 mesi sono sopravvissuta grazie a pomodori, mozzarelle, stracchino e patate lesse. E non c'era verso di mangiare altro. Avevo finalmente la mia super cucina nuova con super piano di cottura, super forno e spazio e volontà e non riuscivo ad usare assolutamente nulla, non c'era verso. 
Scrivere post di cucina sarebbe risultato abbastanza ridicolo... avrei potuto osannare le meraviglie di una foglia di basilico sminuzzata un una ciotola di pomodori o lanciarmi in una dissertazione sulla varietà di questi ultimi in commercio e sulle relative sfumature di gusto...avrei potuto scrivere di quanto mi piacciano le patate lesse ancora calde ed esultare per il fatto che ho imparato a cuocerle a vapore nel mio nuovo e fichissimo microonde ad incasso...oppure avrei potuto bearmi del fatto che il Presidente sa condire la caprese in modo sublime (come mette sale, pepe e olio su mozzarella e pomodoro lui non lo fa nessuno!), ma ho temuto che al secondo post mi avrebbero internato per direttissima, vai poi a spiegare che era colpa degli ormoni!!!
Insomma, cibo NEIN!!! Non c'è stato proprio verso....

Detto ciò, il trimestre di patimento doveva pur finire, perciò ho atteso fiduciosa il reflusso della marea della nausea, mentre il sito di Gluten Free Travel & Living iniziava la Scuola di Cucina e io morivo dalla voglia di partecipare...
Temo però di aver preso troppo alla lettera questa faccenda del reflusso.... perchè la marea di nausea è passata, ma il reflusso no!! Bella fregatura: ora che potrei finalmente mangiare, non posso! O meglio, devo evitare tutta una serie di alimenti irritanti (addio miei adorati pomodori...addio amata mozzarella...sob sob!) e mangiare come un uccellino, a meno di spiaggiarmi come un balenottero in preda ad una digestione impossibile.
Ma è comunque un passo avanti, che diamine! Almeno ora riesco a leggere di nuovo i miei blog di cucina preferiti, a preparare un arrosto al Presidente e, miracolo di tutti i miracoli, mangio le mele!!!!! Chi mi conosce sa che le ho sempre considerate il più inutile dei frutti (a meno che non fossero inserite in una profumata torta con un pò di cannella) e mai nella vita sono stata una mangiatrice di frutta.... ecco, ora la adoro. Conterà pur qualcosa! :DDDD
Sta di fatto che quando ho letto che il tema del mese della Scuola di Cucina era il pane, ho fatto un doppio carpiato perchè si, il pane posso sia cucinarlo che mangiarlo!! Olè!!!

Quindi oggi vi propongo il mio pane preferito, quello che amo fare e mangiare a casa e che mi ricorda molto il sapore del Pane nero di Lariano (chi è di Roma o dei Castelli mi può capire). 
A suo tempo sono partita dalla ricetta base del pane bianco di Felix e Cappera e poi ho modificato le dosi per unire 100 g farina integrale. Questo il risultato.





Questi gli ingredienti:

- 230 g di farina Mix B o NutriSi
- 110 g di farina Glutafin
- 60 g di farina Farmo (nella variante con il lattosio, non ho ancora mai provato l'altra in questa ricetta)
- 100 g di Brot Mix Shar
- 400 ml di acqua tiepida
- 5-6 g di lievito di birra secco
- 20 ml di olio evo (ma ammetto che ultimamente vado ad occhio...)
- 1 cucchiaino di zucchero
- 2 cucchiaini di sale
- una spolverata di farina Mix It!

Il procedimento è davvero semplice. Sciogliete il lievito nell'acqua tiepida insieme allo zucchero e lasciatelo da parte mentre preparate le farine. Una volta pronte queste ultime, versate l'acqua nella planetaria, unite l'olio e la farina e iniziate a mescolare a velocità bassa, per poi passare a velocità sostenuta appena tutti gli ingredienti si saranno amalgamati un pò. Unite il sale e lasciate andare qualche minuto. Non ho mai badato molto a tempo di impasto.... personalmente faccio andare la planetaria giusto il tempo di avere un composto ben amalgamato e uniforme. A questo punto trasferite l'impasto in una ciotola oleata e lasciate lievitare per circa 2 ore.
Se avete un forno con la funzione "lievitazione" il risultato è garantito indipendentemente dalla temperatura esterna dell'ambiente.
Una volta completata la lievitazione, spolverate con un pò di farina Mix It! un foglio di carta forno e "scaravoltateci" sopra l'impasto, poi, con l'aiuto di una spatola cosparsa di olio, tagliate l'impasto in due e separate le due metà. Con le mani bagnate o appena oliate date la forma che preferite alle due porzioni di impasto (io ne ho fatto 2 filoncini) e spolverateli con un altro pò di Mix It!
Infornate il pane in forno statico a 250° per 10 minuti, poi abbassate la temperatura a 200° e passate al ventilato. Lasciate cuocere per 35-40 minuti (dipenderà anche dalla potenza del forno).
Mi piace utilizzare la funzione ventilato perchè la crosta del pane risulta più spessa e croccante... e io adoro la crosta del pane!

Di tutte le ricette che ho provato questa per ora è quella che mi piace di più, è un pane saporito e rustico e, per chi ha potuto provarlo prima di diventare celiaco, ricorda davvero il Pane nero di Lariano. 
A volte, a seconda del lievito che di usa e anche dell'umidità dell'impasto, una volta "scaravoltato" l'impasto può risultare più basso, ma non vi preoccupate ed infornate, il risultato sarà ottimo lo stesso e avrete soltanto un'alveolatura appena più piccola.
Spero proprio che vi piaccia!!!

Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Free (Fri)Day e, finalmente, alla Scuola di Cucina di Gluten Free Travel & Living!





6 commenti:

  1. Che magnifico ritorno e INFINITI AUGURI!!!

    RispondiElimina
  2. Splendido!!!!!!!! Auguri infiniti e......bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Martina!!! Che piacere leggerti di nuovo!! :D

      Elimina
  3. ma dai!!!! augurissimi!!! e in tutto questo hai trovato il tempo per noi? doppi augurissimi!! pane bellissimo, i pani di Felix e Cappera sono sempre una garanzia! grazie davvero per la bellissima partecipazione e un mondi di auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per questa nuova e bellissima iniziativa!!

      Elimina