mercoledì 15 maggio 2013

Rifatte senza glutine: la torta amaretto


Dopo averla assaggiata, capisco perchè sia diventata la preferita di Gaia. E' semplicemente deliziosa. E' un dato di fatto. Questa torta è buonissima. E' leggera, molto dolce, soffice.... un'autentica coccola!! Ed in più è semplicissima da preparare. Cosa si può chiedere di più ad un dolce? :)
L'ho preparata il giorno della festa della mamma. Ho invitato i miei genitori a pranzo e vedere la mia mamma che spazzolava via la sua fetta in un lampo ed esclamava "Era proprio buona!" è stata una soddisfazione e una gioia!
Perciò grazie Gaia, per aver condiviso una dolcezza simile :)

Questa la versione originale e questa la mia "rifatta"


E' un pochino più scura di quella di Gaia, perchè ho voluto provare a riprodurla con le mandorle non pelate. Inoltre ho usato 5 uova invece di 4, perchè erano piuttosto piccole. Questi quindi gli ingredienti:

- 2 cucchiai di fecola di patate (da prontuario AIC)
- 1 cucchiaio di fioretto di mais (da prontuario AIC)
- 1 cucchiaio di farina di riso + quella per infarinare la teglia (come da prontuario AIC, per me Lo Conte)
- 200 g di mandorle (io ho usato quelle non pelate)
- 200g di zucchero semolato + 4 cucchiai
- 110 g di burro
- 5 uova (solo se piccoline, altrimenti 4)
- 1/2 bustina di lievito per dolci (come da prontuario AIC)

A parte le mie due piccole modifiche, ho seguito pedissequamente il procedimento descritto dalla ricetta che  riporto di seguito.

Per la base:
separare le chiare dai tuorli e tenere da parte le chiare per la farcitura.
Sbattere i tuorli con 4 cucchiai di zucchero. Aggiungervi 110 g di burro fuso intiepidito, e per ultima la fecola di patate, la farina di riso, il fioretto di mais e il lievito.
Imburrare e infarinare una tortiera da 28cm di diametro e versarvi l'impasto. Ne verrà uno strato piuttosto sottile. Va bene così.

A parte tritare finemente le mandorle nel mixer e mescolarle a 200 g di zucchero.
Montare le chiare a neve ben ferma e incorporarle un cucchiaio alla volta al miscuglio di mandorle e zucchero.
Versare il composto così ottenuto nella tortiera, sopra l'impasto, e far cuocere nel forno precedentemente scaldato a 180° per 40 minuti (io l'ho cotta per 35 minuti esatti ed era ben colorita come vedete)

Il Presidente (che adora le mandorle! hi hi hi ) si è leccato i baffi, mentre io, da golosona quale sono, ho voluto provare ad assaggiarla con un pizzico di sciroppo d'acero, che secondo me si sposa a meraviglia col sapore delle mandorle. Il risultato mi ha mandata in visibilio! Grazie Gaia, questa torta verrà presto preparata di nuovo :D

Un abbraccio a tutte, ci vediamo il mese prossimo con la pasta sfiziosa di Tania!


13 commenti:

  1. ciao, la tua versione somiglia molto alla mia,più colorata dell'originale, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si abbiamo usato entrambe le mandorle non pelate. Trovo che colorate siano molto belle! A presto!!

      Elimina
  2. hai ragione, è veramente una soddisfazione vedere dei "non celiaci" che mangiano con gusto le nostre realizzazioni "senza glutine" e si meravigliano quasi perchè son buone e gustose

    grazie per essere stata dei nostri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vero! Il momento migliore è quando sgranano gli occhi e chiedono "ma anche questa è senza glutine? Perche sembra proprio "normale"!!! :D

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Raffaella! A presto con la prossima rifatta!

      Elimina
  4. se è piaciuta pure a una mamma nel giorno della festa della mamma, mi sento davvero onoratissima!
    e poi ti è venuta perfetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaia!! Altro che piaciuta, è stata letteralmente divorata!!! Una ricetta fantastica, grazie per averla proposta! :D

      Elimina
  5. Ho sempre riscosso molto successo anche io con questa torta!!
    E' trooopppo buona!!
    Bellissima anche la tua versione!
    Anto:o)

    RispondiElimina
  6. E' proprio vero! Piace veramente a tutti!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, è una vera coccola :)

    RispondiElimina